Mamma, gli racconterò tutto

Mamma, gli racconterò tutto

(In memoria del Bimbo di 10 anni trovato senza vita nella stiva del Boeing Air France, partito dalla Costa D’Avorio, da cui provengono due dei Ben Kadí. 09/01/2020) 

Mamma, gli racconterò tutto. 
Gli racconterò di mio padre 
Gli racconterò di mia madre
Gli racconterò del vostro amore infinito. 
Gli racconterò quante difficoltà nell’aggirare i controlli di sicurezza e mollare l’ultimo abbraccio.
Gli racconterò le lacrime della tua speranza, Mamma: 
“Inchalla figlio mio. 
Nuovi orizzonti 
si consegnano ai nostri sogni.
Si apriranno? 
Si avvereranno?
Nell’incertissima probabilità di un futuro, 
Cielo, 
ti affido il nostro virgulto“.
Le dita di due mani gli anni del mio corpo inerte,
l’Eterno che trastulla la mia anima lieve.
Gli altri affogati a mare, 
Io nel buio delle nuvole, 
incredibilmente 
tutti al freddo.
Ma è il calore del vostro coraggio 
La forza della vostra speranza
quello che racconterò. 
Grazie Mamma.
Grazie Papà.
Inchalla.

Lucina Lanzara

“Le dita di due mani gli anni del mio corpo inerte,
l’Eterno che trastulla la mia anima lieve.” Lucina Lanzara
ph. Salvo Gravano Photographer

Ph. Salvo Gravano

Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? MT 6,26

#airfrance #bimbotrovatomorto #bambinotrovatomorto #benkadì ##bambinotrovatosenzavita #sicurezzadivolo #viaggio #Mt6 #dalvangelosecondo #guardategliuccellidelcielo#inviaggiodallacostadavorio #salvogravanophotographer #apollogoproduction

Il drum circle facilitato da Lucina Lanzara: energia a 1000 per 100 tamburi!

Il drum circle facilitato da Lucina Lanzara: energia a 1000 per 100 tamburi!

Entusiasmo a 1000 per 100 tamburi: il nostro drum circle al Parco del Sole!

Guarda il video

Venerdì 3 gennaio 2020 ore 18 a Palermo presso la Chiesa di San Giovanni Decollato all’Albergheria, sede del Parco del Sole, associazione di promozione sociale, ho facilitato un Drum Circle secondo il metodo di Arthur Hull.

E’ stato tutto oltre ogni previsione: posti esauriti in 24 ore e un successo incredibile! 

Adoro questa location, è una chiesa cinquecentesca, trasformata da Padre Scordato in Centro al servizio dell’Alberghiera, dal doposcuola alle più svariate attività gestite da un volontariato qualificato.

Per me è un pò casa, tutte le settimane tengo i drum circle per i bimbi del rione e la domenica le prove coi Ben Kadì.

Com’era questo gruppo? Come si èsviluppato?

Il gruppo era veramente eterogeneo, dai 6 anni in su, la maggior parte alle prime armi.

Seguendo un consiglio del mio maestro Harshil Filippo Chiostri, ho aperto le danze accertandomi di sincronizzare per bene entrambi gli emisferi cerebrali, attraverso il battito di mani guidato con la tecnica responsoriale del “io faccio – voi ripetete”.

Il gruppo ha risposto subito con prontezza ed entusiasmo, ha eseguito con scioltezza anche poliritmie e ritmi composti. Ci ha messo subito il cuore e questo garantisce già in partenza la buona riuscita di un evento.

Cori parlati “Pidumpapà”, “One banana” prima con la voce, poi sui tamburi: è stato subito festa.

Quindi ho guidato una visualizzazione creativa aiutandomi con una campana tibetana:  una foresta e la vita tra le fronde, bertucce, upupe, cuculi, ciascuno portava il suo suono, i ramoscelli che fanno “sdrechecè” sotto i piedi, poi la Savana, elefanti, gazzelle e zebbre riprodotte sugli strumenti, tamburi, maracas, shaker e campane.   

Ho scolpito il cerchio in varie parti, uomini e donne, per settori che erano 4. 

E’ stato la volta di Mbele Mama a voce sola, con qualche improvvisazione e armonizzazione, poi istintivamente, quasi automaticamente, accompagnandoci coi tamburi. Conciando a cantare ho notato come il coro si andava spegnendo e restava solo il ritmo.

Commenti caldo appena terminato il drum circle

Per avere un’idea del livello di energia sprigionata, ecco qualche feedback a caldo: “È stato fantastico! Mi sono divertita tantissimo! Mi è sembrato di suonare insieme a tutti gli altri!  Anche i Ben KADi partecipano al Drum Circle

 Abbiamo avuto con noi due persone speciali, due esponenti del gruppo Ben Kadì: Conde N’Goma e Mory Diabate, che ci hanno regalato un paio delle loro straordinarie performance! Tale è stata l’energia di Conde che il suo tamburo a un certo punto si è sfondato!

Non mi aspettavo che il facilitatore potesse essere così coinvolgente, a parte la sua bellezza, il suo modo di esprimere arte, questo mi ha emozionato.
Alessandro Oliva, artista scultore

Grazie a Lucina per questa opportunità. Era la prima volta che partecipavo ad un drum circle, amo suonare le percussioni, è stato una bella esperienza non solo suonare ma anche vedere le persone nel farlo e riacquisire quel ritmo abbiamo che abbiamo perso, con il nostro cuore e con l’Universo, che Lucina ci permette di ritrovare. Veramente emozionante!
Ancilla Sikana

Volevo sapere quand’è la prossima volta!
Emanuela Tortorici

Lucina è una trascinatrice di folle, come si può vedere. Se c’è lei, c’è una coralità e una partecipazione pazzesca!
Olga Niutta

Abbiamo sprigionato energia. Ci siamo liberati anche di qualche pensiero. Serve, imparando anche la coralità.
Leo Puleo

Suoni, Musica, ritmo, con Lucina è sempre bello!
Anna Maria Casella

Il ritmo sia con te!

Lucina Lanzara

Dove si trova il Parco del Sole?

Nel Centro Storico di Palermo. E’ ubicato in una magnifica chiesa del XV secolo che Padre Cosimo Scordato ha adibito a sede dell’Associazione di Promozione Sociale Il Parco del Sole. Il presidente è Massimo Messina ed è gestita grazie al volontariato qualificato.

Come arrivare?

Zona Cattedrale. Il tuo punto di riferimento è la Questura di Palermo, che si trova in Piazza della Vittoria, su Villa Bonanno, di fronte a Palazzo dei Normanni. Cammina lungo il marciapiede che la costeggia. Questo marciapiede termina aprendosi a sinistra su Piazza San Giovanni Decollato. Supera il passaggio a livello, la Chiesa è a pochi passi in fondo a destra verso la discesa.

È stato bellissimo perché sin da subito tutti hanno acquisito una sinergia che non si aspettava nessuno, io non me l’aspettavo, io che ogni tanto suono, fin da subito hanno cominciato ad attaccare e staccare nello stesso momento e questo è un miracolo delle percussioni e di Lucina che riesce ad organizzare tutti in questa maniera empaticamente.

Maurizio Maria D'Amico

L’approccio di Lucina con la musica è di magia, empatia.
E’ ritmo dentro, nel cuore. Tutto qui.

Poi tutto viene come per magia. Anche l’intonazione. Tutto.

Luciana Messina