Seleziona una pagina
Ciao Lelio, avevamo ancora bisogno di te

Ciao Lelio, avevamo ancora bisogno di te

Avevamo ancora troppo bisogno del tuo genio e del tuo amore.

Ciao Lelio Giannetto

Inarrestabile
Inestimabile
Infaticabile
Insolente
Invincibile
Irriverente
Ironico
Istrionico
Indaco
Iovanile
Iubilante
Illeggittimo
Iridescente
Indecente
Indefesso
Inarrendevole
Instancabile
Intenso
Intraprendente
Insospettabile
Incorreggibile
Irregolare
Inimitabile
Indimenticabile (Marianna Molino)
Importante
Immenso (Vivi Lanzara)
Immortale
Lelio Giannetto

La vocale i è il suono dell’affermazione del sé.

Rudolf Steiner, fondatore dell'Antroposofia

17 dicembre 2020

– Luci, ma Lelio sta male?
– Non lo so, Massimo. Che sta succedendo?
– Kristian mi ha detto di aver letto un appello su Facebook. Sembra una cosa molto seria.

Mi catapulto alla ricerca di informazioni. Lelio! Che sta succedendo? Trovo solo un post laconico sulla home di Giuseppe Guarella, componente del trio Archibugi String Ensamble: “Oggi alle 20:00 tanti amici musicisti, ognuno da casa propria, ri/suonerà una nota (15 min) a sostegno di Lelio.. Se vuoi, suona con noi..”

Chiamo immediatamente Benedetto. Conferma. Lelio è ricoverato per Covid da fine Novembre. Non ci posso credere. Una cascata di lacrime mi parte dal cuore ed esonda dagli occhi. Non posso crederci. Mi do aiuto. Ore 20.00.

Vado a suonare la mia nota.

Prego. Medito. Mi connetto. Alla fine sono sollevata. Fiduciosa. La NOTA amata da Lelio è il SOL. Siamo in tantissimi a cantare LA nota per Lelio. In tutto il mondo, una Comunità di Musicisti straordinariamente grande e straordnariamente CONSAPEVOLE.

Il canto di Lelio

Il canto di Lelio era dotato di coraggio, l’aggio del cuore, la forza del cuore. Mentre suonava, spessissimo cantava, qualche volta gridava. La sua voce mi arrivava femminile. Il suo canto era limpidissimo, dichiarato, vibrava libero, pulitissimo, puro, dolce, tenero, forte, coraggioso e autentico. Quanto amavo il tuo cantare Lelio?
Era il suono della tua anima.

L’intervista a Lelio Giannetto

Per chi non conoscesse la STRAORDINARIA CREATURA che è stato Lelio, la rete offre un’infinità di video.
C’è un’intervista di Tiziana Martorana per Buongiorno Regione Rai 3 che lo sintetizza a perfezione.

Favignana

Amatissimo dai ragazzini, qui un esempio. La diretta a Favignana con la direzione di Benedetto Basile

18 Dicembre 2020

ore 20.00. Vado a cantare la mia nota. Sono agitata. Mi sento meno serena di ieri. Canto. Prego. Medito. Mi connetto. Forza Lelio. Ti amiamo Lelio.
La notte porta trasformazioni.

21 dicembre 2020, Solstizio d’inverno

Un silenzio tombale domina la zona antistanza la camera morturia dell’Ospedale Cervello.
Siamo 50 o 60 almeno. 
Attoniti.
Ammutoliti.
Le spoglie mortali di Lelio si preparano a partire per la Calabria.
Il mio cuore è stretto stretto.

Mi consolo meditando e accompagnando l’anima di Lelio nel grande Viaggio.
Ho portato con me un diapson a 136.1 hz/fs. Favorisce la connessione con il centro della Terra. Scioglie le paure, conduce alla fiducia in se stessi, ci riallinea con l’energia universale, con l’amore che viene dal profondo del cuore e con la legge universale dell’amore. Adatta per ogni tipo di meditazione (senza distinzione di religione o disciplina) porta alla leggerezza, alla gratitudine ed all’illuminazione. Il collegamento con il chakra del cuore conduce alla rivelazione che l’amore è il massimo raggiungimento a cui possiamo aspirare.

Penso a chi frequentava stretto stretto Lelio. Come potrà affrontare il baratro del suo silenzio?
Come elaborerà una nuova Presenza?

Il mio cuore è stretto stretto, ma non possiamo stringerci.

Penso all’eternamente adorata Valeria, ai figli Gabriele e Luca amatissimi, ad Alessandro Librio e Giuseppe Guarella fratelli per scelta del Archibugi String Trio, ai musicisti della SIO in particolare ai flauti Benedetto Basile ed Eva Geraci, Tiziana Maionica voce lirica, Marcello Cinà sassofono soprano, Dario Compagna clarinetto, Beppe Viola strumenti ad ancia, flauti etnici, Mezz Gacano chitarra elettrica, Giuseppe Greco chitarra, Gandolfo Pagano chitarra preparata, Enrico Sorbello violoncello, Alessandro Librio violino, Alessandra Pipitone pianoforte. Penso a Gianni Gebbia, a Francesco Cusa, a Matilde Politi.Penso ad Alessandro Valenza. Penso a noi che restiamo più tristi e più poveri.

Il lutto cittadino per Lelio Giannetto

Parte una catena di email al Comune di Palermo per richiedere al Sindaco il Lutto Cittadino in onore di Lelio. Mi pare il minimo, dopo una vita di dedizione ricerca, attivazione di masse e di coscenze. A cosa servirà? Perchè doverlo richiedere? Arriva. Mi consola un pochino.

Caro Lelio,
per una volta non abbiamo dovuto aspettare. Oggi, mentre gli artisti sono ancora più invisibili, quando l’arte non è nemmeno relegata, perchè se lo fosse, significherebbe che un’azione è compiuta verso di Essa. Verso di Noi. Attendere, aspettare, pazientare, esercitare resilienza.

5 anni fa

La Sinfonia per grandi Navi

 

Luglio 2015, Palermo. Ci incontriamo sulla via del porto. Camminavamo solerti verso il Porto per ascoltare “Sirene per mare- Sinfonia per grandi navi” del Teatro Massimo, festeggiamenti a Santa Rosalia.

Stringevi in mano il progetto presentato 7 anni prima alla Regione, in attesa di approvazione. Stesso identico format, stessa identica idea. Non ti davi pace, ma ti sentivo pacifico. 

Una sede per Curva Minore

Hai fondato Curva Minore nel 1997. Quanto hai chiesto una sede per la Musica Contemporanea?
Luca, tuo figlio, mi ha scritto che a breve te ne avrebbero assegnata una ai Cantieri Culturali alla Zisa. Le battaglie quotidiane era un leitmotiv, ma tu non ti arrendevi.

Lucinaaaaaa

Correva il 2008.
ore 20.30 appuntamento a casa tua per le prove dello spettacolo su De Andrè al Nuovo Montevergini. Io ero in grande tensione perchè Massimo era ancora in gara a X-Factor. Mandreucci venne a darmi una mano per sostituirlo, insieme a Tony Landolina. Anche Aida Satta Flores c’era e Benedetto Basile e Tony Landolina e Michele Piccione alle percussioni.
Avevamo due prove in tutto.
Citofoniamo.
Niente.
Ricitofoniamo. Niente di niente.
Vuoto pneumatico.
Ti telefoniamo.
Telefono staccato.
Aspettiamo.
Riformulo il numero ininterrottamente, non posso sciogliere la prova.
La mia tensione si va trasformando in nevrastenia.
Dopo mezz’ora circa:
– Pronto?
– Lelio?
– Lucinaaaaaaaaaaa!!! (tutto contento).
– Lelio, cosa fai? Siamo in 10 fuori dalla porta di casa tua ad aspettarti per le prove.
– Ahahahah! Sono al cinema con mia moglie e mio figlio. Me ne ero completamente DIMENTICATO! Ahahaah!

Incredula, SGOMENTA, cerco un contegno. Il cervello mi fuma.

Coi “tuoi tempi” ci raggiungi alle prove, munito di un devastante sivo. Le armonie posate di De Andrè non hanno tregua e spiccano il volo in assoli LedZeppeliniani. Sono nevrastenica. Rido. Piango. Rido. Rido!

L’ELio

Ciao Lelio, anzi L’ELio, come ti chiamavo, perchè tu ci facevi volare. Adesso voli tu, leggero più che mai. libero più che mai.

Ciao Lelio, avevamo ancora tanto bisogno del tuo genio, ma soprattutto del tuo amore.
Ciao L’Elio, grazie grazie grazie.

Il suono dei soli

Vi amo dal profondo
Perché mi fate sentire uomo
Vi amo dal profondo
Perché riversate amore
Vi amo dal profondo
Perché chiudete gli occhi ed ascoltate
Vi amo dal profondo
Perché possiamo sognare insieme
Vi amo dal profondo
Perché a mani nude donate il vostro gesto
Vi amo dal profondo
Perché non siamo soli
Vi amo dal profondo
Perché siamo il Suono dei Soli

Lelio Giannetto

La fisarmonica della contentezza

La fisarmonica della contentezza

AAA Fisarmonica cercasi. L’appello di Pia Tramontana e la donazione del cuore.
La fisarmonica della contentezza.

Accade che hai a casa una fisarmonica inutilizzata da anni. È un molto bella, la suonava tuo nonno magari, o tuo padre. Prende polvere da troppo tempo e ti domandi cosa farne, se venderla, se donarla, se metterti a studiare.

Volontariato e generosità

Accade che alla Kalsa ci siano dei ragazzini affamati di musica.
E accade che la generosità di alcuni professori d’orchestra coroni il sogno loro e delle loro famiglie. Li preparano, così possono entrare in Conservatorio, suonare o cantare al Teatro Massimo o al coro di voci bianche della FOSS al Politeama, grazie all’associazione Teatro Ragazzi Palermo fondata da Pia Tramontana, soprano del teatro Massimo.

La donazione del cuore

Accade che Paolo (nome di fatasia) sia entrato al Liceo Musicale Regina Margherita e adesso abbia bisogno di una fisarmonica.

La Famiglia di Paolo ha solo 200 euro, meno di un quarto del valore di una fisarmonica.

L’appello

Pia Tromontana mi lancia la palla: “mi dai una mano a trovare una fisarmonica per Paolo?”.

Schiaccio con un appello su Facebook:

“Cercasi fisarmonica al prezzo simbolico di €200,00. Te ne tornerà per 100 e 1000 in contentezza.”

CONTENTEZZA:
soddisfazione appagamento gioia piacere felicità allegria.

Una gara di solidarietà

Gentilezza, generosità e contentezza si prendono a braccetto. Parte la staffetta. Nel giro di 24 ore arrivano 4 fisarmoniche e si da inizio a una gara di solidarietà.

“Mio padre ha una fisarmonica trattata come un gioiello.”

“La mia è un pò vecchia, occorre sostituire i tasti. Ci sono molto affezionata. Penso che in questo modo avrebbe una nuova vita”.

“Ho fatto parecchi concerti con la mia fisarmonica. Sarei felice se fosse utile.”

Francesca (nome di fantasia) è soprano e anche docente. Conosce il valore della musica e dell’insegnamento. Non ha una fisarmonica, ma mi contatta per offrire una somma in denaro: servirà per contribuire ai costi di riparazione e massa in opera.

Tutti chiedono l’anonimato.

La gentilezza a parole crea confidenza.
La gentilezza nei pensieri crea profondità.

 

La gentilezza nel dare crea amore.

LAO TZE

I nostri risultati 2020 nonostante il COVID:

 

– 5 ragazzi ammessi al conservatorio
– 5 ammessi al liceo musicale
– 20 nuovi ragazzi avviati alla musica

Grazie ai maestri volontari del teatro dei ragazzi la nostra attività di contrasto alla povertà educativa continua. Confidiamo in altre donazioni.

Pia Tramontana (nella foto)

Fondatrice del Teatro Ragazzi Palermo, soprano del Teatro Massimo

Questo servizio del TG3 sintetizza il Teatro Ragazzi Palermo di Pia Tramontana. Provo un grande senso di ammirazione. Mi tocca profondamente.
Durata 1 minuto
Il servizio del TG3 sul Teatro Ragazzi Palermo

E la fisarmonica per Paolo?

Adesso bisogna decidere e mettersi d’accordo.
Intenso è lo scambio di messaggi tra Pia, le donatrici, il professore e me. Il turbine della vita coinvolge tutti e dal dire al mare al fare c’è di mezzo il mare: – “Ci sentiamo la settimana prossima, ho consiglio di classe a rotazione continua”.  – “Tornerò mecoledì, sono fuori per lavoro”. – “La fisarmonica è a casa di Giacinta. Vedo quando riesce a mandarmi le foto.”

Frattanto la scuola è iniziata e le lezioni  di musica per Paolo vanno avanti.

Questo testimone deve arrivare a destinazione. Non molliamo, forza Pia che ce la facciamo!

L’attesa è premiata. Dopo una serie innumerevole di appuntamenti e valutazioni viene scelto uno strumento impeccabile:  il sogno è coronato, l’emozione è grande, immenso il senso di gratitudine che provo.

 

Adesso Paolo ha fra le mani la sua bellissima nuova fisarmonica e può serenamente studiare.
Del diritto allo studio.

Grazie infinite a questa girandola d’amore, perchè, come diceva Padre Puglisi, se ciascuno fa qualcosa, allora possiamo fare tanto! E a noi è tornato per 100 e per 1000 in contentezza!

Come sostenere l’Associazione Teatro Ragazzi Palermo?


Dona uno strumento musicale

 

La campagna di raccolta fondi

E’ appena partita una campagna di crowdfunding.
E oggi è il compleanno di Pia! Quale miglior regalo?
È molto semplice partecipare.

Clicca il pulsante “partecipa alla campagna” e scopri di più.

 
Hai uno strumento musicale inutilizzato a casa?

Conoscevi il Teatro Ragazzi Palermo di Pia Tramontana? I bambini hanno partecipato al Canto della Santuzza, al Santuario, al Biondo.

Sei d’accordo che molto spesso dando si riceve di più?

Grazie per aver letto fin qui.

Ti aspetto nei commenti!

Lucina